ANSO: aperta la campagna dei quotidiani locali online per la raccolta fondi a favore dei territori colpiti

    0
    171

    Emergenza terremoto, aperta la campagna dei quotidiani locali online per la raccolta fondi a favore dei territori colpiti. La solidarietà per le popolazioni che hanno subito i danni del terremoto passa anche attraverso il web e i quotidiani locali online.

    È partita la raccolta fondi supportata da ANSO (Associazione Nazionale della Stampa Online) e UniCredit, che coinvolge una moltitudine di testate giornalistiche digitali locali, diffuse sull’intero territorio nazionale.

    Ogni quotidiano coinvolto nella campagna metterà a disposizione dei lettori le informazioni per dare il proprio contributo di solidarietà per l’emergenza terremoto. L’informazione della raccolta fondi verrà trasmessa dai quotidiani online aderenti sia dando notizia dell’iniziativa e degli estremi del conto corrente dedicato, sia inserendo nella propria home page il banner creato appositamente per la campagna.
    Un ringraziamento particolare va a Presscomm che ha messo a disposizione l’infrastruttura degli spazi commerciali per veicolare la campagna di solidarietà.

    Le donazioni confluiranno nel conto corrente che UniCredit aveva già predisposto per la sua campagna fondi (IBAN: IT 64 O 02008 12930 000399999999 – intestazione “Terremoto in Emilia e Lombardia” e causale “Sostieni le popolazioni colpite”) e i bonifici effettuati sia in filiale che tramite home banking o altri canali alternativi, sono esenti da spese o commissioni.

    Sarà cura di UniCredit individuare le associazioni onlus cui devolvere le somme raccolte, che verranno comunicate nei prossimi giorni.

    Chiunque volesse diffondere l’iniziativa pubblicando il banner promozionale, può scaricare il file seguente e utilizzare il codice in esso contenuto:

    http://www.anso.it/terremoto-emilia/banner_300x250.txt

    Contatti:

    UniCredit Media Relations
    Tel. +39 02 88628236;
    e-mail: [email protected]

    Anso – Media e Comunicazione
    e-mail: [email protected]

    Comments

    comments

    SHARE
    Previous articleMovimento Referendario: “Mezzo milione di sardi incomincia a perdere la pazienza”
    Next articleLettera di Mauro Contini, sindaco di Quartu Sant’Elena: noi sindaci sempre in trincea, la politica ci ascolti