Assessore Prato – Rilanciare l’agricoltura sarda

0
563

«Dobbiamo riportare braccia all’agricoltura puntando sul connubio con il turismo. E il Nuorese può e deve essere il territorio simbolo per raggiungere questo obiettivo». È il messaggio che questa mattina, a Nuoro, l’assessore regionale dell’Agricoltura Andrea Prato ha voluto lanciare durante l’incontro convocato alla Camera di commercio per discutere di problemi e soluzioni da mettere in campo per affrontare la grave crisi del comparto agricolo. È stata l’occasione per fare il punto sul lavoro fatto in questi 8 mesi di governo regionale e per anticipare le priorità per il 2010 alle porte per il settore. «L’anno che ci lasciamo alle spalle è stato quello dell’ascolto e del confronto, il prossimo dovrà essere quello della svolta».
«Non possiamo più considerare l’agricoltura come un settore secondario – ha spiegato l’assessore – perché ne va della nostra cultura e della nostra storia. Alcuni decenni fa in alcuni territori come questo si sono fatte scelte politiche che hanno puntato su altri sistemi produttivi oggi in crisi. Questa Giunta intende difendere dalla prima all’ultima le buste paga dell’industria ma allo stesso tempo vuole mettere in atto il suo disegno per rilanciare l’agricoltura, basato sulla multifunzionalità, sulle filiere e sulle politiche che incentivano l’utilizzo dei nostri prodotti. Perché non è più possibile che la Sardegna sia una regione che consuma solo il 20 per cento di ciò che produce».
Nel corso del suo intervento, l’assessore ha fatto il punto sulla spesa delle risorse del Por 2000/2006 e del Psr 2007/2013: «La provincia di Nuoro è la prima in Italia sui fondi del Programma di sviluppo rurale e per il 2009 è stato scongiurato il rischio di perdere finanziamenti comunitari: all’Unione europea non restituiremo neanche un euro».
Prato ha poi annunciato che sono stati avviati i pagamenti degli anticipi dei premi del Psr per il 2009 e quelli relativi agli acconti per le aziende agricole danneggiate dall’alluvione dell’autunno 2008, che riguardano anche per diversi Comuni del Nuorese.

Comments

comments