Turismo: Bit, giornata conclusiva

    0
    251

    “Benvenuti a Domo Sardegna”, così l’assessore della Programmazione e vice presidente della Regione Giorgio La Spisa e l’assessore del Turismo, Artigianato e Commercio Luigi Crisponi hanno accolto ieri sera in piazza Diaz a Milano autorità e amministratori locali, giornalisti e visitatori in occasione dell’inaugurazione del primo Sardegna Store, evento organizzato dall’agenzia Sardegna Promozione.

    “Una vetrina prestigiosa per le produzioni artigianali e agroalimentari d’eccellenza – hanno affermato i due assessori presentando l’iniziativa – uno splendido spaccato dell’Isola nel centro della capitale economica d’Italia”.

    “L’iniziativa di promozione fa parte di un accordo (Apq) per ‘la valorizzazione territori di Sardegna’ – ha spiegato l’assessore La Spisa – e si intona perfettamente con una nuova concezione, indicata dall’Unione europea, di sviluppo economico basato su sostenibilità ambientale, coesione sociale, ricerca e innovazione riscoprendo, nel contempo, valori e tradizioni secolari. Una crescita che attinge dal passato proiettandosi nel futuro. Il turismo e le attività tradizionali dell’Isola, agricoltura, allevamento e artigianato, insieme alle capacità e all’inventiva del popolo sardo, rivalutate dalla nuova prospettiva indicata dall’UE, offrono opportunità di sviluppo: siamo pronti a cogliere la sfida”.

    “Il Sardegna Store di Milano è la prima di tre vetrine promozionali dell’Isola – ha aggiunto l’assessore Crisponi -, a breve si aggiungeranno quelle di Roma e Berlino. I tre store rappresentano una sorta di sperimentazione, in base alla quale valuteremo l’opportunità di aprirne altri, in altre capitali mondiali. Si tratta di ‘ponti ideali’ che collegano le eccellenze della nostra storia e della nostra identità alla penisola e a tutto il mondo, una mostra permanente per i nostri imprenditori turistici, artigiani e agroalimentari. Nel caso specifico di Milano, creiamo un ulteriore collegamento con la Lombardia (rappresentata all’inaugurazione dall’assessore al Turismo, Commercio e Servizi Stefano Maullu), con la quale abbiamo attivato da tempo partnership sia nel settore della ricerca che in quello del commercio”.

    Gli store saranno anche punto di incontro per eventi culturali, presentazioni, oltre che riferimento costante per le aziende turistiche, artigianali e agroalimentari sarde. Le modalità e la tempistica di esposizione e di allestimento saranno concordate da Sardegna Promozione con le associazioni di categoria già nei prossimi giorni, privilegiando l’esposizione da parte di reti di imprese. Oggi è stata la giornata conclusiva della Borsa internazionale del Turismo di Milano.

    Per la Sardegna è stata un’edizione 2012 all’insegna di innovazione (legata anche a identità e sviluppo sostenibile), offerta di qualità e ‘flessibile’, promozione per prodotti e campagna di consolidamento in Europa, cardini per un rilancio immediato del turismo sardo: “un ‘cantiere aperto’ nel quale seguiamo 6 linee strategiche: accessibilità, marketing, capitale umano, capitale imprese, organizzazione legislativa e prodotti turistici” ha spiegato l’assessore Crisponi. Innovazione tecnologica e valorizzazione degli attività tradizionali sono state anche il leit motiv dello stand Sardegna, insieme all’enorme cuore di lana rossa che campeggia dall’alto al centro dello spazio espositivo, simbolo delle campagne promozionali.

    Il network Sardegna Turismo 2.0, che comprende il portale Sardegna Turismo Evoluzione, grazie all’attivazione dei canali social (twitter, facebook, youtube e flickr) ha permesso alla promozione del territorio regionale di entrare a far parte della Bit comunity 2012, portale legata all’evento fieristico milanese, amplificando la visibilità della Sardegna su scala mondiale nel settore travel. Sviluppo sostenibile e identità sono rappresentati simbolicamente dal Social Carpet 2.0, un tappeto di lana grezza tessuto dalle mani dei visitatori, e da un libro, fatto anch’esso di lana che ‘racconta’ coi suoi fili intrecciati l’identità’ della Sardegna.

    Comments

    comments