Bookcrossing Sardegna 2009

    0
    208

    "Diventa anche tu un lettore libero che riscopre il piacere di leggere e di far leggere". E’ lo slogan che sintetizza lo spirito della manifestazione “Bookcrossing Sardegna 2009”. L’iniziativa, che arriva nell’isola sulla scia del fenomeno mondiale, associa la passione per la lettura e per i libri alla passione per la condivisione delle risorse e dei saperi.

    Da oggi, anche in Sardegna, è quindi possibile “incrociare un libro” grazie al progetto promosso dall’Assessorato della Pubblica Istruzione e dei beni culturali in collaborazione con la Libreria Internazionale Koinè. L’idea è mettere in contatto tra loro, attraverso un libro, persone che vivono distanti, ma che hanno incontrato un libro “rilasciato” da qualcuno in un posto pubblico, giardino, treno, stazione, bar o aeroporto, e che a loro volta, dopo averlo letto, lo hanno “rilasciato” in un altro luogo, spesso di un’altra città. Ogni libro, prima di essere liberato deve essere registrato sul sito ufficiale (http://www.bookcrossingsardegna.it), e chi lo ritrova, dopo averlo letto ed eventualmente commentato, lo rilascia indicando sullo stesso sito il luogo della “liberazione”, così il libro viene messo nuovamente in circolazione.

    Il mezzo di collegamento è naturalmente Internet dove è gia presente, anche grazie al social network Facebook, una comunità virtuale di oltre 700.000 membri e oltre 5.000.000 di libri registrati.

    Solo in Sardegna saranno “liberati” circa 3.000 classici di autori non viventi, allo scopo non solo di promuovere la lettura, ma di aumentare il numero di lettori, in particolare giovani, con la certezza che la diffusione della lettura, anche nei luoghi meno canonici, possa contribuire utilmente a una crescita culturale e sociale delle nostre comunità.

    “E’ un progetto promosso dalla Regione che, per le caratteristiche e le particolarità del Bookcrossing – ha spiegato nel corso della conferenza stampa di lancio dell’iniziativa il direttore generale dei Beni culturali dell’assessorato, Antonina Scanu, in rappresentanza dell’assessore Maria Lucia Baire – punta ad incrementare e sollevare gli indici di lettura, soprattutto, tra i giovani”.

    L’iscrizione a Bookcrossing Sardegna 2009 è gratuita e per partecipare all’iniziativa occorre solo registrarsi, inserendo i dati principali (autore, titolo etc.) che andranno a comporre un codice identificativo da far “girare” assieme al libro. Chi lo ha rilasciato, infatti, potrà seguirne il viaggio sempre attraverso il sito o ricercarne degli altri liberati dai bookcrosser.

    Oltre la tappa cagliaritana, coincisa con il debutto dell’avventura sarda di Bookcrossing, sono previsti anche altri appuntamenti in programma all’aeroporto di Olbia, il 10 dicembre, con testimonial lo scrittore Nicola Lecca, al mercato di San Benedetto di Cagliari, il 12 dicembre, con il critico d’arte Vittorio Sgarbi, alla cantina ME.SA di Sant’Anna Arresi, l’11 gennaio, con la scrittrice Rossana Copez e alla stazione dei treni di Macomer, il 14 gennaio, assieme all’autore Valerio Varesi e all’attore Luca Barbareschi.

    In occasione di ogni evento, sarà presente un gazebo informativo con delle postazioni internet per l’etichettatura dei libri e l’eventuale “rilascio”.

    Comments

    comments