Cappellacci ad Alfano: A scontare la pena sia solo il boss, non la Sardegna

0
240

“La sensazione è che, ancora una volta, sia la Sardegna a scontare quella pena, che invece dovrebbe essere inflitta solo ai criminali.” E’uno dei passaggi della dura lettera inviata dal presidente della Regione, Ugo Cappellacci, per contestare il trasferimento del boss della malavita organizzata, Antonio Iovine, presso il carcere di Bad’e’Carros. Il presidente si fa interprete del netto dissenso suscitato dalla notizia: “Quello dell’opinione pubblica – ha scritto – di tutta la classe politica sarda e perfino della Chiesa è un coro unanime, che non può restare inascoltato”.  Il presidente ha sottolineato che alla base del dissenso non vi siano solo ragioni di carattere logistico, ma “ben più pregnanti motivazioni di carattere politico, sociale, storico e culturale. La Sardegna – ha sottolineato- ha già dato il suo contributo allo Stato Italiano, ospitando terroristi, mafiosi e altri pericolosi criminali”.

Nella missiva il presidente ha ricordato anche che non minori sono state le rinunce dovute alle esigenze della difesa del territorio nazionale da parte di un’Isola da sempre caratterizzata da una forte presenza di servitù militari.

Per Cappellacci il trasferimento di Iovine in Sardegna è “Un pessimo segnale, aggravato dalla circostanza che il nostro Popolo aspetta ancora di avere delle risposte concrete e positive da parte dello Stato: molte di esse sono attese da decenni e sono da tempo anche sul tavolo dell’attuale Esecutivo nazionale. Su queste ultime – ha ribadito-, non su sgraditi trasferimenti, chiediamo che si manifesti tutta la celerità e la determinazione del Governo. Infine il presidente chiede un immediato ripensamento su una decisione che è “carica di significati negativi e stride con attese, aspettative e aspirazioni che vanno in tutt’altra direzione”.

Comments

comments