Cagliari Città

0
519

thumb_mappa_cagliariCapoluogo della Sardegna, Cagliari si trova all’estremità meridionale dell’isola, nella parte più interna del golfo degli Angeli, al limite della pianura del Campidano, racchiusa tra il mare, gli stagni di Montelargius e Santa Gilla e alcuni colli, tra i quali spicca quello chiamato "Su Casteddu" (il Castello). Di probabile origine fenicia, come si deduce dall’antico nome Karalis o Karales, Cagliari divenne un importante centro marittimo commerciale sotto il dominio cartaginese. lungo periodo di prosperità e di discreto sviluppo, tanto da diventare prima municipio, poi sede vescovile.

{jathumbnail off}mappa_cagliari

Cagliari (164.249 abitanti) è la città più grande della Sardegna. Nel suo circondario e nei paesi della sua provincia vive circa un terzo del milione e mezzo di abitanti dell’isola.
Situata all’estremità meridionale della pianura del Campidano,al centro dell’ampio golfo omonimo,con importanti zone umide sia ad est sia ad ovest, Cagliari si estende lungo la costa e sui suoi nove colli calcarei, alcuni di rilevante pregio paesaggistico e naturalistico,come il Monte Urpinu, il colle di San Michele col suo castello medievale e il promontorio di Capo Sant’Elia, inserito dalla Unione Europea tra i SIC (Sito d’Interesse, naturalistico Comunitario).
La città fu fondata tra il VII e il VI secolo a.C.dai Fenici.Da allora è stata la porta della Sardegna e tutte le genti che sono giunte nell’isola hanno stabilito qui il centro del loro potere: Punici, Romani, Vandali, Bizantini, Pisani, Aragonesi e Piemontesi.
Nella struttura urbana è possibile cogliere i segni della storia: la necropoli fenicio-punica del colle di Tuvixeddu, l’anfiteatro romano scavato nella roccia calcarea,la cattedrale di origini pisane, il Palazzo Regio,che per un breve periodo ospitò la corte sabauda. Furono i Pisani, fortificando il colle di Castello, nel XIII secolo e favorendo la formazione delle sue appendici Stampace, Marina e Villanova, ad imprimere alla città la forma che verrà conservata sino all’inizio del secolo scorso. Il quartiere di Castello è il simbolo di Cagliari.

{jathumbnail off}cagliari Nel gonfalone cittadino appaiono le due torri pisane, dell’Elefante e di San Pancrazio, edificate nel XIV secolo per resistere all’assedio degli Aragonesi. Il nome sardo della città è Casteddu che indica come in passato venisse identificata col quartiere di Castello. I quartieri storici di Cagliari sono ricchi di chiese, palazzi nobiliari e vestigia archeologiche.
Meritano una visita la cattedrale di Santa Maria e il Bastione di Saint Remy a Castello; il complesso archeologico sotterraneo di Sant’Eulalia nella Marina; la chiesa barocca di San Michele a Stampace;quella gotico-catalana di San Giacomo a Villanova.
A Cagliari si svolge ogni primo maggio la festa di Sant’Efisio,la più celebre e frequentata dell’isola per via della sontuosa processione in abito tradizionale di diverse centinaia di persone.

Comments

comments