Cappellacci:”Il governo non programmi vendite di beni immobili in violazione dello Statuto della Sardegna”

    0
    223

    “Il governo non programmi vendite di beni immobili in violazione dello Statuto della Sardegna”. Così il presidente della regione, Ugo Cappellacci, commenta le dichiarazioni del presidente del Consiglio dei Ministri secondo le quali non solo non sarebbe esclusa la cessione di quote dell’attivo del settore pubblico, ma sarebbe in fase di preparazione in vista dell’adozione di atti concreti.

    “L’articolo 14 dello Statuto – ricorda il governatore – prevede che la Regione, nell’ambito del suo territorio, succeda nei beni e diritti patrimoniali dello Stato di natura immobiliare e in quelli demaniali, escluso il demanio marittimo. I beni e diritti connessi a servizi di competenza statale ed a monopoli fiscali restano allo Stato, finché duri condizione. I beni immobili situati nella Regione, che non sono di proprietà di alcuno, spettano al patrimonio della Regione. Qualsiasi trasferimento di beni compiuto in violazione di questa norma di rango costituzionale sarebbe nullo e vedrebbe sicuramente la nostra netta e ferma contestazione sia nelle sedi politiche che in quelle giurisdizionali”.

    Comments

    comments