Dirittura finale: “Non c’è più alcun dubbio sulla competenza regionale in materia di attuazione di zone franche”

    0
    281

    altDirittura finale per l’attivazione della zona franca integrale in Sardegna: Non c’è più alcun dubbio sulla competenza regionale in materia di attuazione di zone franche. Lo conferma la Legge Regionale 25 luglio 2008, n.10, proposta e fatta approvare nel 2008 dall’onorevole Paolo Maninchedda, che toglie ogni dubbio sulla competenza regionale (e non statale) relativa alla perimetrazione delle aree e dei confini estesi a tutta la Sardegna.

    La notizia arriva dall’avvocato Scifo, il quale spiega:” Se vi erano ancora dei dubbi di chi fossero le competenze per perimetrare le aree o delimitare i confini, in sostanza per estendere a tutta la Sardegna il regime di zona franca, con la legge regionale n.10 del 25 luglio 2008 tali dubbi sono stati superati, perchè viene certificata una volta per tutte la potestà regionale. Quindi – aggiunge Scifo – non ha più alcun senso parlare di competenza statale in materia di dogana, perchè in questo caso non stiamo parlando di dogane, ma semplicemente dell’attuazione del decreto legislativo n°75 del 1998, attuazione che viene attribuita alla giunta e all’assessore dell’Industria dalla legge regionale menzionata sopra”.

    Tale legge infatti stabilisce all’art. 1 punto d che la Regione provvede a “Promuovere l’attuazione delle disposizioni di cui agli articoli 1 e 2 del decreto legislativo 10 marzo 1998, n. 75 (Norma di attuazione dello Statuto speciale della Regione autonoma della Sardegna concernente l’istituzione delle zone franche), attivando idonea procedura per l’istituzione di una zona franca in ciascuno degli ambiti previsti dal predetto decreto legislativo e promuovere analoga iniziativa perché tali disposizioni siano estese per l’istituzione di una zona franca nelle aree di competenza di tutti i consorzi industriali provinciali di cui all’articolo 3″.

    “Domani l’assessore all’Industria – ha affermato l’avvocato Scifo – ci ha assicurato che verrà spedita a tutti gli enti una lettera che abbiamo concordato insieme e che specificherà tale fatto: adesso tutti compreso lo Stato devono attuare la delibera a pena di essere passibili di denuncia penale: ciò vale per Dogane, Agenzia Entrate, Funzionari dello Stato”.

    “Dopo una serata faticosa con la dottoressa Randaccio e l’assessore Alessandra Zedda – ha sostenuto l’avvocato Scifo – abbiamo finalmente imboccato la dirittura finale per l’attivazione della zona franca integrale in Sardegna. Un grazie pubblico all’onorevole Paolo Maninchedda che nel suo articolo denigratorio nei nostri confronti ha però fatto la cosa giusta parlando di zona franca e indicandoci la sua legge del 2008 che chiude ogni discussione sulla competenza regionale in materia di attuazione di zone franche. Come vedete noi non buttiamo niente anche dalle critiche traiamo qualcosa di buono. Perchè siamo uomini dell’Unità e non della divisione” .

    “Per incoraggiarlo – conclude l’avvocato Scifo – vorrei dire al Presidente della Regione Sardegna, che farà domani la comunicazione della zona franca integrale anche al Presidente del Consiglio Italiano, che tutti i giuristi conoscono un principio basilare del diritto civile che dice: nessuno può trasferire un diritto maggiore di quello che ha ‘nemo plus iuris transferre potest quam ipse habet’. Perciò lo Stato italiano può trasferire alla UE parti della sua sovranità ma non certo quelle parti di sovranità delle Regioni a statuto speciale che non sono sue, perchè sancite negli statuti autonomi stabiliti con leggi costituzionali. Tanto meno ciò, per una logica questione di gerarchia delle fonti, può avvenire con legge ordinaria, quale è quella di ratifica dei trattati come quelli dell’Unione Europea. Ciò non può avvenire nemmeno invocando l’art. 10 della nostra Costituzione, perchè esso trova il limite logico nell’autonomia regionale delle regioni a statuto speciale, sancita nelle leggi costituzionali di grado superiore a quelle ordinarie. Perciò Signor Presidente vada avanti, penso che almeno su questo tutto il popolo sardo La seguirà. Nessuno può rubarci, a leggi vigenti, lo statuto autonomista ed è tutto perfettamente LEGALE”.

    Cagliari – Regione Sardegna – V.le Trento ore 18,30

    Video: Terminato il presidio davanti alla sede della Regione. La dottoressa Maria Rosaria e l’ avvocato Francesco Scifo hanno appena concluso l’incontro con l’assessore Zedda. La lettera alle compagnie petrolifere é stata inviata. … ma c’é di piú : la legge n. 10 del 2008 toglie ogni dubbio sulla competenza regionale in materia di attuazione di zone franche….

    TG 5 Stelle Sardegna

    Comments

    comments