Turismo – Contributi distretti tematici

0
695

Nascono i distretti turistici tramite la creazione di club di prodotti tematici.

La Giunta regionale, su proposta dell’assessore del Turismo Luigi Crisponi, aveva approvato in una delle ultime sedute le direttive del bando ‘per la realizzazione e promozione di club di prodotto, strumenti integrati di promozione e comunicazione coordinata del prodotto turistico isolano nei mercati nazionali e internazionali’ (a valere sull’asse IV del PO FESR Sardegna 2007/13, linea di attività 424d). La sesta Commissione del Consiglio regionale ieri, sentito in audizione l’assessore Crisponi, ha dato il via libera al bando.

Tale linea dei fondi europei si propone, tra le altre attività, di sviluppare i ‘Distretti turistici di qualità e di promozione dell’offerta turistica regionale dei comuni identitari, borghi, ‘Domos istoricas’, golf, fari, ristoranti tipici, ecc’.

PRODOTTI TURISTICI TEMATICI. L’assessorato del Turismo, nell’ambito della definizione del Piano strategico del turismo in fase di elaborazione, ha individuato alcuni prodotti turistici tematici (PTT), oltre a quelli già citati, cioè cicloturismo, porti turistici e turismo religioso, che si possono collegare con il pilastro del turismo regionale, ovvero il marino – balneare, e hanno le seguenti caratteristiche: vendibilità nazionale e internazionale, potenzialità di creazione di reti tra operatori, identificazione con i territori, integrazione con l’intera filiera turistica regionale; capacità di mettere insieme risorse costiere e dell’interno e destagionalizzare, sostenibilità economico – ambientale. Tramite il bando a questi prodotti saranno destinati 750 mila euro per un ulteriore sviluppo, che porti alla realizzazione di distretti turistici tematici.

STRUTTURAZIONE E AGGREGAZIONE OFFERTA.“Turismo religioso, cicloturismo, porti turistici, ‘Dimore storiche’, turismo enogastronomico grazie ai ‘Ristoranti tipici’, borghi e comuni identiari e golf sono prodotti – afferma l’assessore Crisponi – sui quali la Giunta ha già lavorato in maniera sistematica: sono maturi per essere portati sul mercato dagli operatori che compongono le filiere individuate. L’assessorato sosterrà il potenziamento e l’aggregazione delle piccole e medie imprese nella forma di club di prodotto, in grado di sviluppare e gestire la promo-commercializzazione  unitaria su tutto il territorio regionale, strumenti di promozione coordinata del prodotto turistico adatti ai mercati internazionali”.

AGEVOLAZIONI. Le agevolazioni saranno assegnate in regime ‘de minimis’ nei limiti del 65% dei costi ammissibili: le aggregazioni di PMI potranno beneficiare di un contributo fino a un massimale, per ogni PTT, pari a 500 mila euro; le singole imprese promotrici del raggruppamento fino a un massimo di 20 mila euro. I contributi saranno attribuiti secondo due linee d’azione: sostegno alla creazione e sviluppo di raggruppamenti di imprese in forma di club di prodotto, uno per ogni Ptt, e sostegno al potenziamento e allo sviluppo di micro, piccole e medie imprese ricettive e di servizi turistici aderenti ai club di prodotto.

PTT E CLUB DI PRODOTTO. Il prodotto tematico consiste in un’offerta sistemica di attrattori turistico – ambientali e culturali, di servizi legati ad attività di carattere infrastrutturale (pernottamento) e concettuale (collegamenti tra destinazioni e attrazioni), caratterizzati da un forte legame tematico comune. I PTT hanno un elevato potenziale in termini di sviluppo e sono in grado di attrarre segmenti (o nicchie) di clientela o mercati specifici di domanda. Per lo sviluppo di ogni prodotto si incentiva la nascita di aggregazioni di imprese turistiche e altri operatori interessati alla filiera del prodotto, secondo i canoni del club di prodotto, ossia un’organizzazione di una pluralità di operatori che si associano per sviluppare un prodotto tematico, razionalizzando e innovando i processi produttivi e puntando a una sinergia di risorse e competenze, così da perseguire in maniera più efficiente ed efficace finalità comuni di natura promozionale e commerciale. Gli operatori aderenti al club si impegnano a rispettare disciplinari condivisi, ossia linee guida di carattere deontologico – professionale che garantiscono standard omogenei di qualità.

Comments

comments