Emergenza alluvione – Sannitu firma decreto avvio progettazione

0
359

Primo provvedimento dell’assessore dei Lavori pubblici, Sebastiano Sannitu, sull’emergenza alluvione del 2008 a una settimana dall’insediamento della nuova Giunta. Sannitu, avvalendosi delle deroghe straordinarie in qualità di soggetto attuatore del Commissario delegato Ugo Cappellacci, oggi ha firmato il decreto per affidare con decorrenza immediata la progettazione preliminare della prima tranche dei lavori che devono essere effettuati nel territorio di Capoterra.

“È il primo passo verso la realizzazione concreta degli interventi più urgenti”, spiega l’assessore, “e per procedere più speditamente possibile ci stiamo avvalendo da subito di tutte le deroghe concesse dai poteri Commissariali intervenendo con decreto”.

Con l’atto odierno l’assessore da’ avvio alle procedure per la sistemazione idraulica del rio San Girolamo e la ricostruzione delle opere pubbliche danneggiate a Poggio dei Pini e nelle altre frazioni, dalla foce verso monte. Si tratta di lavori improcrastinabili che consentiranno di risolvere definitivamente i problemi di sicurezza del territorio interessato dall’alluvione di ottobre e novembre 2008. L’importo già destinato per questa prima tranche è di 11.317.510 euro provenienti da finanziamenti del ministero dell’Ambiente.

Constestualmente gli uffici dell’assessorato hanno già aggiudicato in via provvisoria i sondaggi per lo studio di caratterizzazione ambientale, necessario nel rispetto delle norme sui siti di interesse nazionale quale è tutto il Sulcis Iglesiente, e stanno per aggiudicare le conseguenti analisi di laboratorio. Anche la Valutazione di impatto ambientale seguirà una procedura semplificata.

Il decreto fa seguito all’ordinanza del presidente Ugo Cappellacci, Commissario delegato per l’emergenza alluvione in Sardegna, firmata il 4 ottobre. In virtù del provvedimento l’assessore dei Lavori pubblici è il soggetto attuatore di tutti gli interventi previsti sulla base di uno stanziamento complessivo di 35.517.510 euro. Agli 11,3 milioni del ministero dell’Ambiente si aggiungono 12.250.000 di fondi regionali e 12 milioni di fondi europei (programma operativo Por Fesr 2007 – 2013). 

La sistemazione idraulica del rio San Girolamo dalla foce verso l’interno è uno degli interventi. A questo si somma la definitiva messa in sicurezza dello sbarramento di Poggio dei Pini con la costruzione di una diga in calcestruzzo e il nuovo ponte sul lago. È già stato pubblicato infine l’appalto per la progettazione definitiva ed esecutiva e per l’esecuzione dei lavori di rifacimento del ponte sul rio San Girolamo e sistemazione della viabilità di Poggio dei Pini. Stanziamento un milione, scadenza presentazione delle domande 3 novembre. “Con il provvedimento di oggi, fatte salve le procedure accelerate di progettazione e appalto, si spera di dare finalmente avvio alla fase esecutiva delle opere”, conclude Sannitu.

Comments

comments