Foreste Aperte 2010: il programma per Limbara Sud

0
921
Limbara sud

Limbara sudIl 2 maggio 2010 la manifestazione Foreste Aperte si svolgerà nella foresta demaniale Limbara Sud. A partire dalla 10:30 visite guidate, esposizioni, escursioni, attività sportive ed educazione ambientale per i bambini; non mancherà inoltre la possibilità di partecipare al corso-concorso di fotografia naturalistica. Per questa settimana è previsto inoltre un preambolo serale per sabato nel paese di Berchidda con musica a cura di Time in Jazz.

 Dettagli sull’evento ed attività previste dal programma
Sono parte integrante del programma:
– attività di educazione ambientale per i bimbi, all’aperto e nell’aula didattica dell’Arboreto Mediterraneo (la mattina dalle 10:30 alle 13 ed il pomeriggio dalle 15 alle 17:30; i bimbi interessati a partecipare dovranno iscriversi, accompagnati da un genitore, presso lo stand dell’Ente Foreste o presso l’info point all’ingresso della Foresta, salvo diverse indicazioni in loco);
corso e concorso di Fotografia Naturalistica (il regolamento ed il modulo online sono stati pubblicato in queste pagine, e gli interessati anche non pre-iscritti potranno rivolgersi all’info point la mattina all’arrivo in Foresta. Le iscrizioni saranno possibili entro le 10:30, orario previsto per la partenza del corso);
Vai al modulo on-line per il corso-concorso di Fotografia Naturalistica
– esposizione, vendita e degustazioni di produzioni tipiche locali;
– percorso escursionistico e culturale-naturalistico guidato, con partenza dalla località Sa Dispensa per il laghetto di Nunzia e al Giardino delle Farfalle;
– percorso escursionistico e culturale-naturalistico guidato con partenza partenza dalla località Sa Dispensa verso i “vecchi orti”;
– escursioni guidate in mountain bike;
– prova pratica di Nordic Walking;
– avvicinamento al tiro con l’arco;
– monta degli asinelli (per i bambini dai 5 ai 12 anni);
attività di canoa sul lago;
– visite guidate al Giardino delle Farfalle;
– animazione e intrattenimento per bambini;
– visita alla mostra sulla biodiversità curata dall’Ente Foreste;
– mostra di Pittura Botanica;
– mostra "S’accabadora";
– concerto “Verderame” a cura di Time in Jazz con la partecipazione dell’Orchestra jazz della Sardegna, in doppia formazione con il Quintetto di Ottoni e l’Ensemble e la Banda musicale “Bernardo De Muro” di Berchidda;

Breve descrizione della Foresta Demaniale
Un paesaggio suggestivo, caratterizzato dai graniti che originano una morfologia accidentata e molto movimentata: grandi massi che sembrano essere in equilibrio precario, bizzarre forme di erosione, cavità e grotte più o meno ampie "allargate" a volte dall’uomo per poterle usare come ricovero per sè e gli animali. Le stesse cime rocciose su cui ancora volteggiano l’aquila reale e la più rara aquila del Bonelli, gli stessi fitti boschi dove si nascondono nelle cavità dei tronchi il gatto selvatico e la martora. Boschi un tempo abitati anche da cervi e daini, poi estinti a causa dell’uomo, che torneranno liberi su questi monti grazie all’uomo.
All’interno della foresta, a Littu Siccu, si trovano ancora tracce di antichi insediamenti umani (come gli stazzi nelle località Pedru Fadda e Fighizzola.
Attrattive della foresta demaniale, oltre allo splendido panorama dei graniti del Limbara, sono: il girdino delle farfalle, i sentirei escursionistici (tra i quali il percorso artistico di Semida), l’arbooreto mediterraneo e l’avveniristica architettura dell’edificio di Sa Dispensa.

Come arrivare
Raggiungere il paese di Berchidda percorrendo la S.S. 597 Sassari-Olbia oppure la S.P 62. L’ingresso alla foresta demaniale dista circa 3 km dal centro abitato: dalla centrale piazza del popolo seguire le indicazioni per l’Ufficio Forestale (vecchia denominazione dell’attuale complesso forestale di gestione Ente Foreste) fino alla bacheca che indica l’ingresso sud della foresta ove è presente un punto informazioni. La velocità all’interno delle piste forestali, quando aperte al traffico veicolare, non deve superare i 20 km orari.

Mappa


Visualizzazione ingrandita della mappa

Comments

comments