Helmar Schenk addio. 21 giugno 2012

    0
    257

    All’età di 71 anni ci ha lasciato l’ornitologo Helmar Schenk. Tedesco di nascita ma sardo d’adozione, si è innamorato della Sardegna e alla nostra isola ha donato tanto, non solo dal punto di vista naturalistico, ma anche culturale e umano.

    Conosceva il sardo meglio di tanti sardi e amava studiare l’avifauna e gli ambienti sardi, attraverso continue escursioni negli angoli più remoti della Sardegna. Ha ottenuto numerosi premi, è stato segretario regionale della Lipu e ha messo a disposizione del Parco Molentargius la sua esperienza eseguendo costanti controlli scientifici e monitoraggi sull’avifauna. Si deve alla sua operosità e alla sua passione di esperto ornitologo la capacità di sensibilizzare tecnici e politici affinché fosse riconosciuta e promossa la valenza internazionale del Compendio Molentargius.

    “Helmar Schenk è stato uno studioso di grande spessore ed un uomo dagli elevati valori morali, una figura che ha dato lustro alla nostra terra” – ricorda il Presidente del Parco Molentargius, Mauro Contini – Oggi la Sardegna perde un uomo di scienza di grande caratura, il quale, nonostante fosse stato colpito dalla malattia, fino all’ultimo, ha lavorato con la passione che da sempre l’ha contraddistinto. Ci ha lasciato un uomo innamorato della nostra isola, che ha saputo conciliare il rigore della scienza ed il garbo dell’animo, la passione per la conoscenza e l’entusiasmo per la ricerca. La sua perdita lascia un vuoto incolmabile, sia per la sua indubbia conoscenza sia per le sue doti umane. Helmar Schenk ha ricoperto fino all’ultimo con estrema professionalità e competenza il suo incarico. Voglio ricordare il Prof. Helmar Schenk immerso nei suoi studi intensi e appassionati, scanditi dalle sue numerose ricerche presso il Parco Molentargius e – conclude Mauro Contini – voglio esprimere tutta la mia vicinanza alla famiglia, in questo momento di dolore”.

    Comments

    comments