I prodotti agro-alimentari sardi sbarcano in Finlandia

    0
    230

     

    I prodotti agro-alimentari sardi sbarcano in Finlandia e la Regione sta investendo sulla loro promozione per incentivarne il consumo e la vendita nei supermercati e nella ristorazione. Nei giorni scorsi a Helsinki si è tenuto un evento per la presentazione e la degustazione delle produzioni a marchio di origine: Agnello di Sardegna Igp, Pecorino Romano Dop, Fiore sardo Dop, Pecorino sardo Dop, Zafferano di Sardegna Dop, Olio extravergine di oliva Dop. La serata era organizzata con la collaborazione di un operatore (di origini sarde) che da diversi anni lavora in Finlandia con i prodotti tipici e possiede una struttura in grado di servire le principali catene della distribuzione organizzata del Paese e diversi punti vendita dell’area del Mar Baltico (Russia, Estonia, Lettonia).

    “Il mercato finlandese, e in generale quello del Baltico, è assolutamente strategico per il posizionamento dei nostri prodotti – spiega l’assessore Prato – anche perché abbiamo già un operatore in grado di vendere le nostre eccellenze. Sosterremo ulteriormente questa e altre iniziative simili e prevediamo azioni di promozione immediate nei punti vendita e con i buyer già nelle prossime settimane, puntando inizialmente sui prodotti del comparto ovino, come i formaggi e l’agnello Igp. Quanto si sta facendo in Finlandia assume molta importanza anche perché permette di promuovere e commercializzare i nostri prodotti in nuovi mercati che si vanno a sommare a quelli storici, come gli Stati Uniti”.

    Secondo i dati dell’Ice (Istituto nazionale per il commercio estero), negli ultimi anni l’Italia ha fatto riscontrare un aumento importante della quota di mercato anche perché i prodotti alimentari italiani godono di ottima reputazione e molti di questi (pasta, ortofrutta) fanno già parte delle abitudini quotidiane dei consumatori locali. Tra i prodotti che stanno segnando buone performance di crescita ci sono gli insaccati, la pasta, i formaggi, olio e ortaggi. Nel 2005 l’import dall’Italia della Finlandia è stato di 86 milioni di euro (3,6% del totale), saliti a 101 milioni nel 2007. Sempre in Finlandia (che conta circa 6 milioni di abitanti mentre nella capitale, Helsinki, sono 580mila) sono attivi circa 10.300 tra ristoranti, coffee-shop e fast food mentre gli hotel sono circa 600. Il settore alberghiero, della ristorazione e del catering assorbe oggi il 12 per cento circa dei prodotti alimentari.

    Comments

    comments