Incendi Sardegna. Biancareddu:”Pretendiamo dallo Stato impegno straordinario per la Sardegna”

0
682

L’assessore regionale della Difesa dell’Ambiente, Andrea Biancareddu ha tenuto stamattina una riunione operativa per fare il punto sulla grave emergenza legata agli incendi boschivi che in queste ore stanno devastando la Sardegna e che hanno causato gravi feriti.

All’incontro erano presenti il comandante del Corpo Forestale della Regione, Carlo Masnata, il capo della Protezione Civile, Giorgio Cicalò e i vertici dell’Ente Foreste. L’assessore ha riferito di essersi recato, già dalle prime ore del mattino, nelle campagne di Ghilarza, in alcuni dei luoghi colpiti dalle fiamme, dove ha incontrato le squadre impegnate nei soccorsi. L’esponente della Giunta ha, inoltre, detto di aver ribadito con forza, nella serata di ieri, al capo del Dipartimento nazionale della Protezione Civile, Franco Gabrielli che quella attraversata dall’Isola è una emergenza – per entità dei danni ambientali e qualità dell’azione degli incendiari – che necessita di un impegno straordinario di tutela e contrasto.
“Pertanto è imprescindibile l’invio di ulteriori Canadair del dispositivo aereo nazionale e della dislocazione stabile dell’elitanker così come richiesto più volte”, ha detto l’assessore, annunciando di esser pronto ad azioni eclatanti se le prerogative della Regione Sardegna non dovessero essere salvaguardate.
“Comprendiamo tutte le esigenze e siamo consapevoli dei tagli subiti dal dispositivo antincendi nazionale, ma deve essere fatto uno sforzo straordinario per la nostra Isola in quanto esiste un rischio concreto per la popolazione”, spiega Biancareddu.

Nel corso della riunione l’assessore e la task force presente, hanno fatto il punto sulla possibile strategia di contrasto al fuoco che date le condizioni ambientali e meteo ha necessità di continue variazioni operative in modo da assicurare la massima efficacia.

I vertici del Corpo Forestale, dell’Ente Foreste e della Protezione Civile regionale hanno assicurato il massimo impegno nell’affrontare la difficile situazione assicurando che pur nella complessità dell’emergenza la macchina antincendi della Regione funziona a pieno regime.

Subito dopo la riunione della Giunta regionale l’assessore, si è recato con gli uomini del Corpo Forestale e della Protezione Civile nelle campagne di Laconi dove sono in corso le operazioni di spegnimento del grave incendio.

‘Il patrimonio boschivo e le aziende agricole sono ostaggio dei piromani’. L’assessore dell’agricoltura, Oscar Cherchi commenta così la situazione sempre più critica che si è creata in queste ultime 24 ore a causa degli incendi che devastano l’Isola alimentati dal vento e dalle già alte temperature.

Aziende agricole già danneggiate e altre a rischio, per le quali la Regione ‘dovrà intervenire per evitare che un comparto che già lotta per la propria sopravvivenza sia messo in ginocchio dagli incendi’, aggiunge l’assessore.

‘Così come è impossibile credere che anche solo una parte degli incendi che bruciano la Sardegna possa essere accidentale, – continua l’esponente della Giunta – non è possibile neppure credere che chi appicca il fuoco non sia consapevole dell’enormità del delitto di cui si sta macchiando, mettendo in pericolo decine di persone che, per professione, per solidarietà o per proteggere i propri beni dal fuoco rischiano la vita ogni volta che le fiamme divampano. Siamo vicini alle imprese agricole danneggiate, ma oltre la solidarietà morale ed economica verso queste, serve la condanna dei criminali incendiari con azioni civili e penali proporzionali e quindi durissime’.

Comments

comments