Incendio ittiturismo ‘Pontis’ Cabras

0
636

“Esprimo il mio sentimento di vicinanza ai gestori dell’ittiturismo ‘Pontis’, da anni struttura di grande richiamo turistico e punto di riferimento nel Sinis per il settore enogastronomico”.

Così l’assessore del Turismo Luigi Crisponi manifesta la sua solidarietà nei confronti del locale vicino alla peschiera di Cabras, gestito dal consorzio di pescatori cui è affidato lo stagno, quasi interamente distrutto stanotte da un incendio, probabilmente di origine dolosa.

“Se i rilievi e gli accertamenti – aggiunge Crisponi – condotti da vigili del fuoco e forze dell’ordine, confermeranno la natura non accidentale dell’accaduto, si tratterebbe di un gesto che provoca sdegno e merita riprovazione, ma rimarrà un inutile tentativo di intimidire la laboriosa e validissima attività dei gestori dell’ittiturismo. In seguito a simili fatti – conclude Crisponi – occorre ribadire che le Istituzioni e la società sono al fianco di chi è impegnato ogni giorno a valorizzare il territorio e a restituirgli un po’ di ricchezza grazie alle risorse locali”.

Un azione vile che merita una punizione esemplare’. E’ colmo di sdegno il primo commento dell’assessore dell’agricoltura Oscar Cherchi.

‘Spero – prosegue l’esponente della Giunta Regionale ed espressione del territorio oristanese – che i responsabili dell’attentato che ha procurato gravissimi danni alla struttura del ‘Consorzio Pontis’ vengano identificati al più presto e assicurati alla giustizia. Un atto del genere è ancora più grave, considerando il difficile momento che già attraversano le attività commerciali in genere e in particolare quelle legate al turismo, a causa della congiuntura economica e delle avversità climatiche di questa strana primavera’.

Un’azione per ora inspiegabile contro un’attività commerciale conosciuta in tutta la Sardegna: ‘Una delle migliori realtà che della nostra provincia, – conclude Cherchi, che in giornata andrà sul posto per portare la solidarietà dell’intera Giunta regionale – che ha saputo affrontare e limitare la crisi con successo. Sono certo pero’ che i soci del consorzio sapranno reagire prontamente e ai vigliacchi attentatori resterà solo il peso sulla coscienza, se ne hanno una’.

Comments

comments