Influenza A – Piano regionale

0
626

"Il Piano regionale Pandemia influenzale rappresenta un importante strumento realizzato sulla base delle indicazioni contenute nel Piano nazionale. Garantisce operatività alla Regione in tema di: assetti organizzativi, strategia di comunicazione, modalità di sorveglianza epidemiologica e virologica, organizzazione della rete regionale di diagnosi e cura, messa a punto dei protocolli diagnostico-terapeutici, messa a punto delle misure di prevenzione e controllo; uso di farmaci antivirali, di vaccino endemico ed antinfluenzale stagionale; azioni per la gestione del periodo pandemico". Lo ha sottolineato ieri, nel corso di una conferenza stampa, l’assessore regionale della Sanità Antonello Liori.

“Come raccomandato dall’Organizzazione mondiale della sanità in considerazione del rischio di una pandemia influenzale, da alcuni anni – ha precisato Liori – anche la Regione Sardegna ha adottato il Piano regionale Pandemia influenzale. Perciò, ha proseguito l’esponente della Giunta, considerando che l’influenza A/H1N1 è stata definita un’emergenza di sanità pubblica di interesse internazionale, l’Assessorato della Sanità, coadiuvato dal Comitato Pandemico regionale, ha aggiornato il Piano, nella stesura che oggi la Giunta regionale ha approvato.”

Durante la conferenza stampa è intervenuto anche Paolo Emilio Manconi, docente di Medicina interna all’Università di Cagliari e portavoce del Comitato pandemico regionale: “Stiamo lavorando da quasi tre mesi, affrontando innanzitutto l’emergenza dell’influenza A e finora le azioni messe in atto dall’Assessorato mettono la Sardegna al passo con le migliori regioni italiane. Abbiamo anche contribuito alla revisione del Piano regionale che rappresenta uno strumento assai utile per tutti gli operatori, tracciando una linea chiara anche per il futuro.”

Riferendosi all’attuazione “Piano della vaccinazione pandemica”, stabilito dal Ministero della Salute, Donatella Campus, direttore del servizio Prevenzione dell’Assessorato, ha ricordato che: “con l’arrivo di altri 16.887 vaccini – entro questo fine settimana – saranno 105.266 le dosi inviate nell’Isola. Questo permetterà di proseguire con le vaccinazioni secondo il calendario del Ministero della Salute.

“I casi accertati in Sardegna sono finora 29 – ha aggiunto la Campus e l’assessorato ha avviato anche un importante opera di sensibilizzazione tra la popolazione scolastica inviando all’Anci, all’Upi e all’Ufficio scolastico regionale una lettera con alcune indicazioni precauzionali. Le misure di prevenzione suggerite riguardano sia l’igiene che i comportamentali da adottare; tra questi è previsto l’acquisto del materiale necessario alla profilassi (distributori di sapone liquido e salviette ‘usa e getta’) e una maggiore cura nella pulizia quotidiana dei locali.”

Comments

comments