Ippovie Sardegna

    0
    215

    Con l’arrivo di più di 8 milioni di euro, si aggiunge un nuovo tassello al progetto delle ippovie della Regione.

    Su proposta dell’assessore dell’Agricoltura Andrea Prato, ieri pomeriggio, 10 dicembre 2009,  la Giunta regionale ha approvato due distinte delibere per destinare 1 milione (come previsto dal collegato alla Finanziaria) alla viabilità rurale dei territori nei Comuni della prima ippovia Alghero Badde ‘e Salighes, mentre gli altri 7,2 milioni (provenienti da fondi statali) verranno indirizzati alle strade rurali degli altri percorsi sparsi in varie località dell’Isola, che partiranno dal Cagliaritano, dalla Gallura, dal Sulcis, dalla Baronia, dal centro Sardegna e dai luoghi “storici” della tradizione del cavallo, come Tanca Regia.

    “Quello delle ippovie è un progetto fondamentale e sul quale crediamo molto per rilanciare la ruralità della Sardegna e l’attività delle nostre aziende agricole anche in chiave turistica” ha detto il presidente della Regione Ugo Cappellacci.

     “Le infrastrutture delle campagne e in primis le strade rurali – spiega l’assessore Prato – sono la condizione necessaria non solo per facilitare il lavoro di agricoltori e allevatori, ma soprattutto per evitarne lo spopolamento e per agevolare la multifunzionalità delle nostre imprese. Ecco perché i finanziamenti approvati dalla Giunta saranno decisivi anche per il grande progetto delle ippovie, con la prima tratta da Alghero a Badde ‘ Salighes operativa il prossimo anno, e per il rilancio del turismo rurale su cui puntiamo molto”.

    In particolare, per quanto riguarda il milione di euro, i Comuni che riceveranno le risorse (proporzionalmente alla lunghezza dei tratti stradali interessati) sono: Alghero, Villanova Monteleone, Monteleone Roccadoria, Romana, Putifigari, Padria, Mara, Cossoine, Pozzomaggiore, Giave, Torralba, Bonorva e Bolotana.

    Lunedì prossimo l’assessore Prato farà il punto con gli amministratori di questi Comuni sullo stato di attuazione dell’ippovia Alghero-Badde ‘e Salighes.

    Comments

    comments