Lavoro: approvati indirizzi apprendistato professionalizzante

0
675

La Giunta regionale, su proposta dell’assessore del Lavoro, Formazione professionale, Cooperazione e Sicurezza sociale, Francesco Manca, ha approvato gli indirizzi sull’apprendistato professionalizzante relativi alla programmazione dell’offerta formativa regionale e dei servizi di supporto alle imprese. Il provvedimento definisce i destinatari delle azioni formative e le varie tipologie di apprendistato; i macrosettori produttivi prioritari, ossia commercio, artigianato, edilizia, industria, turismo e servizi; le azioni formative ammissibili e le loro modalità attuative, che saranno dispiegate su tutto il territorio regionale per la durata di 3 anni; i soggetti attuatori, che saranno selezionati con due bandi successivi (il primo entro il primo trimestre 2011, il secondo dieci mesi dopo); e, soprattutto, definisce la ripartizione delle risorse e le quote di premialità.

Il finanziamento totale è di 7.638.703,58 euro. Al primo bando sono assegnati 4.761.809, 58 euro, ripartiti secondo la seguente tabella: 900mila euro al commercio e altrettanti all’artigianato, 600mila euro a edilizia e territorio, più di 300mila euro all’industria e stessa cifra al turismo e servizi. Un milione e 600mila euro, invece, è destinato alla riserva per premiare i settori sulla base dei risultati della procedura. Al secondo bando sono destinati 2.876.894 euro e la ripartizione del finanziamento sarà decisa sulla base degli esiti del monitoraggio delle attività formative affidate col primo avviso.

“La Regione – ha affermato l’assessore Manca – intende promuovere e finanziare un’offerta di servizi integrati a sostegno dell’apprendistato finalizzata ad aumentare il numero di apprendisti avviati alla formazione, a costruire un sistema della formazione nell’apprendistato stabile e condiviso da tutti gli attori, a qualificare e selezionare l’offerta pubblica e a garantirne l’erogazione in misura diffusa su tutto il territorio isolano, in particolare nel settore delle piccole e micro imprese e nelle aree interne o in quelle interessate a fenomeni di progressivo spopolamento”.

Si realizza, con questi bandi, un indirizzo voluto con tenacia dall’assessore Manca, che è riuscito a concertare e condividere con le parti sociali la ripartizione e gli aspetti regolatori del sistema, che hanno preso avvio dal protocollo d’intesa, siglato il 29 giugno scorso, con il quale Regione e parti interessate si erano impegnate a valorizzare l’apprendistato come processo che deve coinvolgere non solo l’apprendista e l’impresa ma tutti gli attori del processo formativo.

“Il sistema di programmazione e gestione dell’attività formativa dell’apprendistato – ha concluso l’esponente della Giunta Cappellacci – si caratterizzerà per la semplificazione delle procedure organizzative e per l’articolazione flessibile, tendenti a riconoscere sia le attività proposte sia la domanda degli apprendisti”

Comments

comments