Lavoro: parte Europeando 2, per sostenere l’autoimprenditorialità

0
437

La Giunta regionale ha approvato la proposta dell’assessore del Lavoro, Franco Manca, di avviare il bando Europeando 2 – Nuovi imprenditori, finanziato con le risorse del Fondo sociale europeo per un totale di 9 milioni di euro. Si tratta di interventi finalizzati all’autoimpiego anche in forma associata, con i quali la Regione intende promuovere la cultura dell’imprenditorialità e sostenere lo sviluppo di progetti di creazione d’impresa stimolando la definizione di idee competitive e innovative.

Europeando 2 rientra nella strategia regionale che, in linea con il PO Sardegna FSE 2007-2013, intende finanziare percorsi di politiche attive per il lavoro rivolti a disoccupati, inoccupati o lavoratori in mobilità che abbiano maturato un’idea imprenditoriale volta ad introdurre nel mercato nuovi prodotti o servizi e a sviluppare nuovi processi o metodi di produzione, in un’ottica comunque di complessivo sviluppo del territorio.

L’attuazione dell’intervento procederà attraverso due fasi distinte:

1) un concorso di idee, rivolto alla selezione delle migliori 25 idee per ciascuna provincia, per un totale di 200 progetti. I vincitori del concorso parteciperanno ad un percorso formativo e di accompagnamento integrato, che prevede la fruizione di un pacchetto di interventi di formazione, tutoraggio e consulenza a cura del Servizio Programmazione e gestione del sistema della formazione professionale. Tale percorso sarà finalizzato all’accrescimento delle competenze e capacità imprenditoriali dei partecipanti, con particolare riguardo alla creazione e gestione d’impresa, con visite-studio presso imprese o centri di eccellenza di tutta l’Europa: l’obiettivo è quello di importare buone prassi ed esperienze di sostenibilità d’impresa. Infine, sarà perfezionata l’idea imprenditoriale e predisposto un Piano d’impresa;

2)    coloro che avranno frequentato il percorso integrato di formazione per almeno l’80% delle ore previste, potranno presentare alla Regione la domanda per l’ottenimento di incentivi finalizzati alla creazione d’impresa, per un massimo di 50mila euro. Una commissione nominata dall’Assessorato regionale del Lavoro selezionerà i 160 migliori progetti. Il finanziamento sarà erogato in regime ‘de minimis’. I soggetti ritenuti idonei dovranno partecipare alla realizzazione del progetto d’impresa con un 20% di capitale proprio, che potrà essere coperto anche attraverso il ricorso al Fondo Microcredito FSE, nel rispetto delle condizioni indicate dall’Avviso che disciplina il Fondo e che sarà in vigore al momento dell’eventuale richiesta. Questa fase farà capo al Servizio Politiche attive per il lavoro e le Pari opportunità dell’Assessorato regionale del Lavoro.

“L’intero intervento – spiega l’assessore Manca – sarà finanziato con risorse del Fondo sociale europeo a valere sull’Asse II ‘Occupabilità’: per la formazione abbiamo reso disponibili un milione di euro mentre gli incentivi saranno sostenuti con otto milioni di euro. Ritengo che sia un’importante opportunità per quanti hanno un progetto spendibile ma non le sufficienti coperture economiche per sostenerlo. Il supporto tecnico del nostro Assessorato garantirà un adeguato sostegno nella delicata fase di start up”.

Comments

comments