Master & Back: Al via nuovo bando “Percorsi di rientro” 2012-2013

0
394

“In un momento di forti contrapposizioni abbiamo voluto credere in un’iniziativa ereditata dalla precedente amministrazione,  consapevoli delle opportunità offerte ai giovani dal programma Master and Back, l’ abbiamo valorizzato, correggendo alcune criticità”.

Lo ha sottolineato il presidente della Regione Ugo Cappellacci, presentando il nuovo avviso, insieme all’assessore del lavoro, Mariano Contu, e al direttore dell’Agenzia regionale per il lavoro, Stefano Tunis.

“Da intervento a pioggia è diventato una misura che premia la meritocrazia –  ha spiegato Cappellacci –  A tal fine si è deciso di attribuire punteggi più alti a chi sceglie le prime 30 università del mondo. Se nel 2008 solo il 2% degli studenti sceglieva gli atenei più prestigiosi, nel 2011 il dato e’ salito al 21%. Un altro miglioramento – ha aggiunto il presidente – e’ stato apportato nelle procedure, più snelle rispetto al passato. Durante la prima edizione dell’avviso duravano 10 mesi, ora 60 giorni. Inoltre, abbiamo potenziato la fase del Back; infatti, se i percorsi di rientro non sono ben strutturati si rischia la fuga dei cervelli in Italia o all’estero. Un’ultima importante novità è l’impegno che chiediamo alle aziende nel privilegiare contratti a tempo indeterminato e nel partecipare al cofinanziamento dei contratti. Vogliamo dare ai giovani una speranza, i dati dimostrano buoni risultati”.

Il bando, relativo ai percorsi di rientro 2012-2013, prevede un finanziamento di 11 milioni 700 mila euro.

Il fondo sosterrà contratti di lavoro a tempo determinato e indeterminato, stipulati tra organismi pubblici e privati (operanti in Sardegna) e giovani che hanno svolto e ultimato un percorso formativo post lauream fuori dalla Sardegna.

Il percorso di rientro si basa su un maggiore coinvolgimento delle aziende, chiamate a contribuire con mezzi finanziari propri alla realizzazione dei progetti. L’impresa ospitante (privato, pubblico o ente di ricerca) deve, infatti, cofinanziare il contratto.

La percentuale di partecipazione varia in funzione della durata del contratto stipulato: a tempo indeterminato il  20%, per 24 mesi il 35 %, e per 12 mesi il 45%. “L’obiettivo – ha spiegato  l’assessore del lavoro, Mariano Contu –  è incentivare forme contrattuali più stabili, rendendo per l’impresa meno appetibile (perché in proporzione più costoso) intraprendere rapporti di lavoro precari”. 

Le domande potranno essere presentate a partire dal 26 agosto e fino al 30 settembre 2013. Per la selezione il criterio utilizzato sarà quello dell’ordine cronologico di invio delle domande cartacee (tramite posta o corriere).

L’avviso prevede un periodo riservato all’incontro domanda/offerta tra organismi ospitanti e candidati. L’incontro potrà avvenire in modo autonomo oppure attraverso le cosiddette “vetrine”, un ambiente virtuale sviluppato all’interno del sito web della Regione. 

Per quanto riguarda, invece, l’avviso Alta formazione 2012 per il finanziamento di cento borse di studio per la frequenza di master universitari nelle migliori università del mondo, erano previste due scadenze di partecipazione: la prima (31 gennaio) già conclusa con pubblicazione delle graduatorie ed erogazione dei finanziamenti; per la seconda (30 maggio) l’istruttoria si è appena conclusa e le graduatorie saranno pubblicate nella mattinata di oggi.

“La novità – ha affermato l’assessore del lavoro – è l’incremento della dotazione finanziaria della seconda scadenza di circa 120.000,00 rispetto a 1.750.000 euro, originariamente previsti per coprire interamente il numero di borse di studio annunciato nel bando. Un’altra notizia importante – ha concluso Contu – è la riapertura dei termini di presentazione delle domande (terza scadenza di partecipazione) con un’ ulteriore dotazione finanziaria pari a 1.750.000,00 per il finanziamento di altre 50 borse di studio. Un’ ulteriore possibilità per i giovani laureati che sono stati ammessi a frequentare master di alto livello. L’integrazione sarà pubblicata, presumibilmente, entro il mese di luglio e consentirà la presentazione delle domande entro settembre/ottobre”.

 

 “Con la nuova gestione del programma – ha precisato Stefano Tunis, direttore dell’Agenzia regionale per il lavoro –  abbiamo cercato di apportare dei correttivi per utilizzare al meglio i fondi disponibili e – ha aggiunto – per rendere allo stesso tempo il Master and back un programma efficiente e più rispondente agli obiettivi di crescita e di sviluppo per la Sardegna. La filosofia quindi cambia –  ha concluso Tunis –  da diritto garantito a tutti, o quasi, a possibilità per i più meritevoli”.

Comments

comments