Pescaturismo: un turismo che diffonde la cultura del mare e delle lagune

    0
    249

    Diffondere la cultura del mare e delle lagune, trasmettere le tradizioni di pesca che si tramandano da generazioni, ma soprattutto dare un’occasione ai pescatori di integrare il loro reddito: è questo il pescaturismo, un’attività che per molti pescatori rappresenta il futuro.

    Per l’ospite è una bella occasione per vivere intensamente il mare e le lagune, partecipando alle battute di pesca, praticando la pesca professionale o sportiva con lenza a bolentino, traina o palamito o semplicemente godere delle splendide e meravigliose coste della Sardegna accompagnate da escursioni a terra.

    L’offerta di questa attività turistico ricreativa è ricca e succulenta, perchè poi si gusta il pescato, fatto ad esempio di piatti di spigole e orate, di muggini e mitili.

    Ricette semplici da pescatori come sa cassola ma anche ricette magari più curate e sempre più raffinate.

    ll motivo per cui in Sardegna l’attività di pescaturismo sta raccogliendo sempre più un maggior numero di consensi ed appassionati, sta nel fatto che una breve vacanza diventa un’occasione per conoscere in profondità la cultura dei sardi e della Sardegna, anche perchè tra un boccone e l’altro, tra una forchettata e un bicchierino di cannonau o monica, i pescatori raccontano molte storie: storie di anni vissuti in mare, di tradizioni antiche, storie di Sardegna.

    Per conoscere le attività di pescaturismo e ittiturismo in Sardegna cliccate qui

    Video: estratto del TG Regionale, in cui viene intervistato Tolenga, proprietario dell’agriturismo e pescaturismo The Sea World di Cabras, Oristano.

    Comments

    comments