Regione Sardegna – Voli low cost

0
241

“La Regione sta puntando al mantenimento e al potenziamento dei voli low cost attraverso il coinvolgimento dei territori e degli Enti Locali”.  Lo ha detto l’assessore regionale dei Trasporti, Liliana Lorettu , nel corso di una riunione operativa della “Cabina di Regia”, dove hanno partecipato, oltre alle società di gestione dei maggiori scali aeroportuali, le Camere di Commercio di Cagliari e Nuoro, le province di Cagliari, Sassari, Olbia-Tempio e Oristano e i Sindaci ed amministratori di Tortolì, Oristano, Alghero e Olbia.

 Il messaggio lanciato dalla Regione è chiaro. A fronte di quello che è il disavanzo delle società di gestione degli aeroporti per il mantenimento dei voli low cost (stimato in circa 20 milioni di euro per l’anno 2010) le ricadute economiche dei voli a basso costo sul territorio regionale è di circa 500 milioni di euro. Per questo i territori che godono di tali ritorni economici e turistici dovrebbero contribuire al mantenimento ed al rafforzamento dei voli low cost. “I territori guadagno tantissimo ma poi cosa danno in cambio?”

I voli low cost sono una risorsa per tutto il territorio. Per il mantenimento e il sostentamento dei voli a basso costo ci deve però essere maggiore responsabilizzazione e coinvolgimento sia degli Enti Locali che delle Camere di Commercio (all’incontro non hanno preso parte le Camere di Commercio di Sassari e Oristano).

I costi di gestione per tale attività in favore delle società di gestione degli scali sardi non possono essere solo della Regione come sino ad ora è stato. Per questo, nel corso della riunione operativa della Cabina di Regia, l’assessore Lorettu ha lanciato un primo appello affinché gli Enti Locali trovino dei modelli contributivi, atti reali e concreti, per il mantenimento dei voli a basso costo.

L’appello della Regione è stato accolto favorevolmente da tutti i rappresentanti delle amministrazioni locali e delle Province. “I territori – dice la Lorettu – devono rimboccarsi le maniche e trovare soluzioni.”

Già dalla prossima riunione, fissata per il 10 febbraio prossimo, si valuteranno le risposte e le proposte che arriveranno dagli Enti Locali.

Comments

comments