Ricostituita la Consulta regionale per l’emigrazione

0
673

La Giunta regionale ha approvato la ricomposizione della Consulta per l’emigrazione. L’organismo, istituito con la legge regionale n. 7/1991, ha la finalità di coordinare gli interventi a favore dei sardi emigrati all’estero e nella penisola.

Dopo soli dieci giorni dal suo insediamento, il neoassessore del Lavoro, Franco Manca, ha rimesso ordine in un settore che attendeva questo provvedimento da otto mesi: la Consulta, infatti, era decaduta dopo lo scioglimento del Consiglio regionale, al termine della scorsa legislatura.

Sarà lo stesso assessore Manca a presiedere la Consulta, nella quale trovano posto i rappresentanti di una serie di enti e organismi indicati dalla legge n. 7/1991, in particolare le Associazioni di tutela che operano nel campo dell’emigrazione e, più in generale, dei migranti (Acli, Aitef, Anfe, Filef, Atm “Emilio Lussu” e Istituto “Fernando Santi”). Il Consiglio regionale dovrà ora nominare tre esperti del settore.

La nuova Consulta regionale risulta così composta:

Presidente: Franco Manca (Assessore del Lavoro);

Rappresentanti dei Circoli degli emigrati: Vittorio Vargiu (Argentina), Pietro Schirru (Australia), Ottavio Soddu (Belgio), Alberto Caschili (Brasile), Alberto Mario Delogu (Canada), Francesco Laconi (Francia), Alberto Musa ed Efisio Manai (Germania), Bruno Fois (Olanda), Giancarlo Farris (Perù), Raffaele Melis Pilloni (Spagna), Domenico Scala (Svizzera), Tonino Mulas e Serafina Mascia (Italia).

Rappresentanti delle Associazioni di tutela: Giuseppe Dessì (Acli), Fausto Soru (Aitef), Bonaria Spignesi (Atm Lussu), Giorgio Randaccio (Anfe), Alexandro Jan Lai (Filef) e Pierpaolo Cicalò (Istituto Santi).

Rappresentanti dei sindacati: Onofrio Napoli (Ugl), Oriana Putzolu (Cisl) e Maria Eleonora Di Biase (Cgil).

Rappresentante del Ministero degli Affari esteri: Stefano Verrecchia.

Il ruolo di segretario della Consulta sarà affidato a un funzionario nominato dall’Assessorato regionale del Lavoro. L’assessore Manca vorrebbe convocare la prima riunione dell’organismo entro il prossimo mese di dicembre.

Comments

comments