Strutture ricettive sarde in rete con SIRED

    0
    281

    Sono oltre mille le strutture ricettive sarde, distribuite su tutta l’Isola, che fanno rete col Sired, delle quali 730 stanno attualmente e quotidianamente immettendo dati sul nuovo sistema di rilevamento ed elaborazione dei flussi turistici, attivato dall’assessorato regionale del Turismo.

    Considerato che le aziende alberghiere e quelle extra – alberghiere in Sardegna sono in totale circa 2400, “si può a ragione dire – afferma l’assessore Luigi Crisponi – che l’attività di raccolta sul movimento dei clienti, attivata col Sired, è entrata nel vivo, e il numero delle imprese ‘in rete’ aumenterà in tempi brevi sino a coprire l’intero territorio regionale”.

    LESTRU. L’attività del Sired è destinata a crescere e a velocizzarsi ulteriormente anche grazie al software ‘Lestru’, il mini gestionale, dotato di una interfaccia semplice e intuitiva per il caricamento dei dati, che il Sitac (Sistema informativo del Turismo, Artigianato e Commercio) dell’assessorato ha messo a disposizione degli operatori turistici sardi per estendere e rendere più facile l’utilizzo del Sired. Il servizio Sitac ha integrato nel sistema il software (sviluppato dal DistrIct Lab dell’agenzia Sardegna Ricerche) che contiene funzionalità di base per la gestione delle strutture ricettive ed è a disposizione di tutti gli operatori accreditati sul sistema di rilevamento.

    SIRED. Il Sired effettua la raccolta ed elaborazione dei dati dell’Isola, che confluiscono ora in tempo reale in modalità on-line in un unico sistema informativo. Nato dall’istituzione di uno specifico tavolo tecnico fra Regione e province, coinvolge i gestori delle strutture ricettive, permettendo loro di adempiere agli obblighi statistici e di pubblica sicurezza e di confrontare il movimento dei turisti nella propria azienda con quello medio delle strutture ricettive (confrontabili in base a classificazione, tipologia e zona geografica); le province, che si occupano della validazione dei dati sul movimento turistico, supportando l’operatività sul sistema nel territorio di competenza; la Regione, che gestisce il sistema di raccolta dati on-line al fine di trasmettere i dati aggregati all’Istat e fornisce il supporto informatico per gli accessi, i ruoli e le utenze del sistema.

    DATI IN TEMPO REALE. Il sistema rivoluziona le modalità di elaborazione anche ai fini della puntuale conoscenza dei flussi e del movimento commerciale nelle strutture ricettive. “La soluzione adottata – aggiunge l’assessore Crisponi – nasce dalla stringente esigenza di disporre di dati certi, ‘freschi’ e capaci di fotografare con immediatezza il reale movimento in ogni comune della Sardegna e, quindi, sull’intero territorio regionale. I dati statistici sui flussi turistici nell’Isola sono uno strumento fondamentale di programmazione e pianificazione di attività e marketing per gli operatori del settore e per le entità istituzionali”.

    Comments

    comments