Su Comitadu pro sa limba sarda

    0
    267

    "Restituire alla lingua sarda il ruolo di cooprotagonista nello sviluppo economico e sociale della Sardegna". E’ questo l’obiettivo de "Su Comitadu pro sa limba sarda",  ricostituito per volontà dei suoi fondatori.

     Nato nel 1976 per iniziativa dei giornali Nazione sarda, Su populu sardu, Sa Sardigna, Sa republica e Sardegna Europa, ha scritto e presentato come proposta d’iniziativa popolare il testo della legge per la difesa della lingua sarda e per il bilinguismo. Corredata dalle firme prescritte, la legge è stata presentata al Consiglio regionale della Sardegna nel quale ha iniziato l’iter legislativo previsto dallo Statuto d’autonomia e dalla Costituzione. Oltre a rilanciare, con un atto politico, l’iniziativa legislativa da parte del popolo sardo e ampliando la questione sarda con un tema sottovalutato dall’autonomismo fin allora conosciuto, la proposta ha teso a riconoscere il diritto dei sardi alla propria lingua. Su Comitadu ha così aperto una nuova strada che dovrà portare alla approvazione del nuovo Statuto sardo speciale, quale è la Carta de Logu de Sardigna, col massimo di sovranità politica e culturale all’interno di un sistema federale italiano ed europeo.

    A oltre trent’anni dalla presentazione della proposta di legge d’iniziativa popolare sul bilinguismo sono stati raggiunti importanti obiettivi quali la legge statale 482 del 1999 e la legge regionale 26 del 1997 che detta norme di tutela della lingua sarda e del tabarchino, gallurese, sassarese e catalano d’Alghero.

    Sulla scia dei temi e delle richieste, tuttora attualissimi, compresi nella legge d’iniziativa popolare, il movimento per la lingua sarda ha indotto la Giunta regionale ad approvare prima la LSU (Limba sarda unificada) e successivamente la LSC (Limba sarda comuna ) che costituiscono la risposta alla richiesta di uno standard espressa dalla legge d’iniziativa popolare. Il raggiungimento, sia pure parziale degli obiettivi che Su Comitadu si era prefissi, hanno generato una spettacolare rinascita della lingua sarda e della identità nazionale che su di essa si fonda.

    Su Comitadu afferma: "La battaglia per la lingua ha dovuto però subire l’attacco militante fortissimo da parte di forze politiche e culturali che inizialmente non riconoscevano neppure l’esistenza e la dignità autonoma della lingua sarda e che adesso mirano a depotenziare ed annullare anche le conquiste realizzate, opponendosi radicalmente allo sviluppo e sperimentazione dello standard linguistico, passaggio obbligato per la ufficializzazione e normalizzazione del sardo e delle altre lingue alloglotte della Sardegna.

    Prima hanno tentato di soffocare il sardo nella culla, non riconoscendolo e imponendo la lingua italiana, oggi vogliono eliminare il sardo col sardo stesso, inventando strada facendo ogni sorta d’ostacolo e differenziazione, tali da impedire una normalizzazione condivisa e arrivando persino a teorizzare l’inesistenza di una unicità linguistica e prospettando la presenza di due lingue sarde diverse ed inconciliabili. Premessa, questa, alla accettazione di almeno due sub nazionalità in Sardegna.


    Tale strategia, tipica del divide et impera di romana memoria, oltre a tarpare le ali alla rinascita politica, culturale ed economica dei sardi, minando alla radice il riconquistato senso d’appartenenzza alla Nazione sarda ed al suo diritto all’autogoverno, costituisce la premessa per la morte della lingua sarda e delle sue varietà locali. Impedire la normalizzazione linguistica e l’utilizzo di una lingua scritta di riferimento come la LSC (sperimentale e perfettibile) significherebbe impedire l’uso ufficiale pubblico e l’insegnamento nelle scuole. Tutto evidentemente a vantaggio della lingua italiana che invece di costituire, nell’ipotesi del bilinguismo, la lingua ufficiale della Repubblica assieme alla lingua sarda ufficiale in Sardegna, continuerebbe ad essere utilizzata per cancellare la lingua sarda persistendo nel colonialismo culturale che continua ad essere esercitato in Sardegna, senza interruzioni dall’Unità in poi.

    L’offensiva degli anti sardo si fa sempre più pericolosa e subdola e costituisce un pericolo per l’intero movimento per la lingua sarda, per tale motivo i fondatori de Su Comitadu hanno deciso di riprendere l’attività e di costituirsi in lobby culturale a favore della lingua sarda e sulla base dei principi descritti nella legge d’iniziativa popolare, assieme a tutti i sardi e non sardi che vogliano aderire".
    http://www.facebook.com/group.php?gid=122848360780

    ARTICOLO IN SARDO: "Est torradu in possa, pro volontade de sos fundadores suos, su Comitadu pro sa Limba Sarda. Nàschidu in su 1976 pro initziativa de sos giornales Natzione Sarda, Su Pòpulu Sardu, Sa Sardigna, Sa Repùblica Sarda, e Sardegna Europa, at iscritu e presentadu, comente proposta de initziativa populare sa lege pro sa difesa de sa limba sarda e pro su bilinguismu. Acumpanzada dae sas firmas prescritas, sa lege est istada presentada a su Cunsìgiu Regionale de sa Sardigna, chi at cumintzadu s’iter legislativu prevididu dae s’Istatutu de autonomia e dae sa Costitutzione.

    Sa proposta punnaiat a riconnòschere su diritu de sos sardos a impreare sa limba insoro, pro mèdiu de un’atu polìticu de initziativa populare cun unu tema chi s’autonomismu de tando aiat sutavalutadu. Su Comitadu, gasi, at abertu un’àndala noa chi depet agabare cun s’aprovatzione de s’Istatutu sardu nou, est a nàrrere sa Carta de Logu de Sardigna, cun su màssimu de sovranidade polìtica e culturale in intro de unu sistema federale italianu e europeu.

    A prus de trint’annos dae sa presentatzione de sa proposta de lege de initziativa populare pro su bilinguismu medas risurtados de importu si sunt cungruidos, comente a sa lege istatale 482 de su ’99 e sa lege regionale 26 de su ’97 chi normat s’amparu de sa limba sarda, de su tabarchini, de su tataresu, de su gadduresu e de su cadalanu de s’Alighera.

    In fatu a sos temas e a sas richiestas, galu atuales meda, chi sunt intro sa lege de initziativa populare, su movimentu pro sa limba sarda at cumbintu a aprovare sa LSU ( limba sarda unificada) e posca sa LSC (limba sarda comuna) chi sunt sa risposta a sa pregunta de unu istandard, casi comente pedidu in sa proposta de initziativa populare.

    Su de giòmpere, mancariu petzi in carchi tretu a sa congruida chi su Comitadu teniat in disìgiu, at generadu una rinàschida ispantosa de sa limba sarda e de s’identidade natzionale chi cun issa tenet fundamentu. Ma custa batalla at dèpidu parare fronte a s’atacu militante, forte meda, dae su chirru de fortzas polìticas e culturales chi a su cumintzu non riconnoschiant mancu s’esitèntzia e sa dinnidade autònoma de sa limba e chi como punnant a depotentziare e annuddare finas sos risurtados balangiados, contrariende de su totu sa crèschida de s’isperimentatzione de s’istandard linguìsticu, àndala de òbrigu pro sa normalizatzione e ufitzializatzione de su sardu e de sas àteras limbas alloglotas de Sardigna.

    In antis ant proadu a l’allupare in su bàntzigu, su sardu, ponzende s’italianu a mala gana sena riconnòschere su sardu e nche cherent pesare su sardu cun su sardu matessi, imbentende isperetantu, onni genia de istrobu e diferentziatzione, pro brivare una normalizatzione cundivisa e giompende finas teorizare s’inesistèntzia de una limba sola e mentovende sa presèntzia de duas limbas sardas diversas e malas a crobare a pare. gasi faghende punnant a fàghere atzetare nessi duas sub natzionalidades in Sardigna.
    Custa istrategia nòdida, de su divide et impera de ammentu romanu, a banda de rugare sas alas a sa renàschida polìtica, econòmica e culturale de sos sardos, minende li in su totu su sensu de apartenèntzia torradu in possa pro sa natzione sarda, e a su diritu suo a s’autoguvernu, est su cumintzu chi diat bochire sa limba sarda cun sas àteras limbas de Sardigna.
    A firmare sa normalizatzione e s’impreu de sa limba iscrita de riferimentu, comente a sa LSC (in isperimenta, chi si podet megiorare)
    diat chèrrere nàrrere a brivare s’impreu pùblicu e ufitziale e s’imparu in iscola. Totu, sena duda, cun balàngiu de sa limba italiana chi – intames diat pòtere èssere, cun su bilinguismu, sa limba ufitziale de sa Repùblica paris a sa limba sarda ufitziale in Sardigna – diat sighire a èssere impreada pro nche ispèrdere sa limba sarda sighende bi la cun su colonialismu culturale, impostu in Sardigna, chena pasu, dae s’Unidade a dae in antis.
    Sa gherra contra- sardu, sèmpere prus isfidiada, est unu perìgulu pro totu su movimentu de sa limba sarda. Pro cussu sos fundadores de su Comitadu ant detzisu de si torrare a pònnere in faina, cun una lobby culturale in ala a sa limba sarda sighende sos printzìpios iscritos in sa lege de initziativa populare, paris a totu sos sardos e non sardos chi bi cherent afianzare".

    Comments

    comments