Sversamento petrolio Sardegna: grave situazione Porto Torres. Governo intervenga

0
451

"La situazione di grave inquinamento che si rileva ancora in queste ore nelle coste sarde causata dallo sversamento incidentale di olio combustibile   dalla centrale termoelettrica di Fiume Santo a Porto Torres desta particolare preoccupazione, sia per gli evidenti danni che si stanno rilevando ai danni dell’ecosistema marino, uno fra i più belli e preziosi del mondo, ma perché ancora non è chiara l’entità del danno e se altre perdite di altre sostanze altamente pericolose si stanno ancora verificando. Chiediamo al Ministero dell’Ambiente di intervenire con estrema urgenza per rendere nota l’ effettiva stima del danno ambientale provocato e quali azioni risarcitorie si intendano avviare nei confronti di E. On. S.p.A, la società che gestisce la centrale”, lo chiede Ermete Realacci, responsabile green economy del Pd in un’interrogazione parlamentare presentata oggi al Ministro Prestigiacomo.

Nell’interrogazione si chiede anche se il Ministero non intenda poi mettere in campo, anche con la creazione di una specifica commissione composta da  rappresentanti delle amministrazioni locali di associazioni di cittadini e dall’Ispra, le iniziative più urgenti a sostegno delle complete operazioni di bonifica degli arenili e del tratto di mare interessati. E se non si ritenga opportuno, per tramite degli uffici territoriali competenti, verificare l’idoneità delle infrastrutture di contenimento e/o considerare l’aggiornamento degli obbligatori piani di prevenzione ed allerta del polo industriale sassarese. Infine quali siano i piani di bonifica previsti per le aree dismesse dell’area industriale di Porto Torres e il relativo stato di avanzamento.

Ufficio Stampa On. Realacci

 

Comments

comments