Turismo – Pubblicato Bando contributi strutture ricettive

    0
    158

    Nove milioni per aumentare l’appeal dell’offerta ricettiva isolana e contribuire al rilancio della competitività delle imprese sarde nel mercato turistico.

    È stato pubblicato dall’assessorato regionale del Turismo il bando ‘Interventi materiali e immateriali per completare e migliorare l’offerta delle imprese turistiche’, a valere sull’asse IV dei fondi PO FESR 2007/13 (linea di attività 4.2.2.a), rivolto a piccole e medie imprese del comparto ricettivo (albergo, villaggio albergo, albergo diffuso, albergo residenziale, villaggio turistico, campeggio, affittacamere, case e appartamenti per le vacanze, turismo rurale), che intendano realizzare interventi finalizzati alla riqualificazione dell’offerta, alla dotazione di servizi diversificati e attrattivi nell’ottica della destagionalizzazione, all’acquisizione dei sistemi di certificazioni di qualità e all’uso di modelli di consumo energetico fondati sulla sostenibilità ambientale.

    Nell’ambito degli investimenti per riqualificazione dell’offerta sono ammissibili le spese per ‘servizi annessi’, ossia strutture e impianti attraverso i quali viene migliorata la qualità del servizio offerto da una singola attività e che siano funzionalmente collegati alla struttura ricettiva (per esempio, centro congressi, strutture ricreative e per tempo libero, parchi divertimento, piscine, aree attrezzate per l’equitazione, noleggio, ricovero e manutenzione per bici, centri benessere, stabilimenti termali e per talassoterapia, centri per la valorizzazione dell’artigianato e della gastronomia locale e altri servizi); e le spese per ‘strutture complementari’, ossia gli stessi impianti e strutture per garantire i servizi appena citati, offerti, però, da almeno tre strutture ricettive consorziate fra loro.

    “In un periodo di grandi sacrifici e necessari tagli alla spesa pubblica – spiega l’assessore del Turismo Luigi Crisponi – non intendiamo rinunciare agli investimenti delle nostre aziende e al rilancio dell’offerta ricettiva isolana. La Giunta regionale mette a disposizione delle piccole e medie imprese rilevanti risorse che contribuiranno ad accrescere la competitività delle destinazioni turistiche sarde attraverso il miglioramento degli standard dell’offerta, privilegiando le proposte di rapida realizzazione. Per innalzare lo standard di qualità dell’offerta isolana è necessario ‘ringiovanire’ e completare le strutture ricettive. Gli incentivi saranno destinati, infatti, alla dotazione di servizi diversificati e attrattivi in linea con le aspettative dei turisti”.

    Il bando ‘Interventi materiali e immateriali per completare e migliorare l’offerta delle imprese turistiche’ ha una dotazione finanziaria di 8 milioni e 800 mila euro, di cui 8 milioni destinati a finanziare le attività ricettive e strutture complementari, 800 mila euro per servizi e reti per il turismo. Risorse subito disponibili per le imprese, con la possibilità di un incremento a seconda della risposta degli imprenditori all’avviso pubblico: la disponibilità complessiva, infatti, verrà definita dall’Amministrazione regionale con un successivo provvedimento (secondo quanto disposto dalla delibera di Giunta Regionale n. 48/58 del 1° dicembre 2011).

    È previsto un contributo massimo in conto impianti per le PMI nei limiti del 35% delle spese ritenute ammissibili o, in alternativa, in regime ‘de minimis’ nella misura massima del 40% delle spese ammissibili, per un importo comunque non superiore ai 200mila euro.

    Per quanto riguarda il massimale degli investimenti ammissibili: per quanto riguarda attività ricettive, si va dai 300 mila euro del turismo rurale sino ai 2 milioni dell’albergo; per quanto riguarda le strutture complementari, che costituiscono un piano di intervento autonomo, l’investimento massimo è un milione; in entrambi i casi l’intervento minimo è centomila euro.

    Mentre, per ‘i servizi e reti per il turismo’, l’investimento massimo ammissibile è 200 mila euro, il minimo 50 mila. Le domande per il contributo potranno essere presentate on line a partire dal 20 aprile sino al 20 maggio.

    Comments

    comments