A Ulassai il modello di sviluppo turistico nasce dal basso – La parola d’ordine:”Creazione di una destinazione Ogliastra in un’ottica di condivisione”

0
2266

Arriva da Ulassai un modello di sviluppo turistico fatto di condivisione, solidarietà, coinvolgimento. Un turismo che parte dal basso, dai privati, dagli operatori che si confrontano insieme per elaborare idee e proposte.

L’idea è di Sergio Podda, cagliaritano di nascita, con radici sia materne che paterne nella comunità di Ulassai, che aggiudicandosi la gestione della struttura ricettiva comunale “Barigau” incastonata tra i calcari dei Tacchi all’interno del paese, ha pensato di coinvolgere nel suo progetto di gestione tutte le anime della comunità cercando di mettere insieme e in maniera coerente tutti gli attrattori di cui la comunità dispone: culturali, ambientali, artigianali, gastronomici, artistici, geomorfologici, archeologici, e botanici.

“Per la prima volta – ha affermato Sergio Podda – gli operatori progettano senza il supporto dell’ente pubblico per farsi portatori di un interesse collettivo e condiviso e solo successivamente tendente a coinvolgere le pubbliche amministrazioni.  Intendiamo tracciare un percorso armonico di sviluppo che coinvolga il territorio e la popolazione del piccolo centro in ottica condivisa di sviluppo territoriale. Il progetto – ha aggiunto Podda – è fortemente legato al contesto territoriale e finalizzato a creare una ‘destinazione’ Ogliastra fuori dai soliti standard balneari, destagionalizzare e spostare i flussi turistici verso le zone dell’interno con ricadute sull’intera economia locale con un’occhio di riguardo al turismo scientifico, culturale, sportivo. Insomma, un progetto virtuoso di turismo sostenibile che affonda le radici in quelle della comunità Ogliastrina”.

L’incontro dunque non sarà uno spot fine a se stesso ma il primo atto di un tavolo di concertazione tra privati che in modo concreto intendono portare avanti il progetto di sviluppo territoriale trasferibile anche alle altre comunità del territorio. Un laboratorio autoctono aperto e reattivo alle esperienze esterne.

Il primo incontro, organizzato con la collaborazione del Ceas Anemos, si terrà il giorno 16/07/13 alle ore 16.30 presso Ceas Anemos – Corso Vittorio Emanuele (Fronte Ufficio Postale) – Ulassai, tra gli operatori economici del centro della Valle del Pardu.
Saranno presenti:
la Cooperativa Tessile Su Marmuri, Fondazione Stazione dell’Arte, Soc. Grotte de Su Marmuri, Hotel Su Marmuri, Associazione Culturale Sa perda e Su Entu, Associazione Culturale Acanthos, Pro Loco Ulassai, B&B Bellavista, B&B Barigau, B&B Charlie, Chiosco bar Curcuda, Bar Centrale, CEAS Anemos Ulassai, Parco dei Tacchi Srl, Bar Ladu, Chiosco Bar Barigau, e altri operatori o futuri operatori del territorio.

Interverranno inoltre altre figure professionali che operano da anni nel settore del turismo sostenibile quali portatori di esperienze innovative.

 

Comments

comments